Oggi vi porto al Rifugio Cristina a 2.287 mt., nel cuore delle Alpi Valtellinesi. Neve ne abbiamo? Si, e allora è arrivato il momento di organizzare una bella ciaspolata in Valmalenco, là dove il Pizzo Scalino la fa da padrone.  Parcheggiata l’auto a Campo Franscia inforchiamo le ciaspole e siamo immediatamente pronti per partire, la strada innevata che inizia a salire è li che ci aspetta. Il percorso non è particolarmente impegnativo ed anche il dislivello è relativo, 570 mt. Unico problema è che la giornata si presenta da subito particolarmente ventosa, quindi diciamo che il meteo ci darà un pò di filo da torcere ma siamo nello stesso tempo attrezzati adeguatamente per affrontarlo.

Verso una distesa di neve luccicante

Percorriamo un pò di tornanti che ci fanno guadagnare velocemente quota e raggiungiamo così un ampio piano puntellato di baite: siamo giunti all’alpe Campascio, dove la neve luccicante ci permette di immortalare un paesaggio magico. Poco più avanti la vista si apre sul Pizzo Scalino, siamo così giunti al rifugio Cà Runcasch (in foto), riconoscibile in quanto si tratta di una grande baita solitaria posata su un dosso. Da questo punto il panorama si apre a 360 gradi sul Pizzo Scalino e sulle montagne circostanti, il cielo è blu e limpido grazie al vento (bhe, almeno serve a qualcosa!) che fa risaltare ancor di più le cime delle montagne innevate tutt’intorno.

paesaggio innevato salendpo verso il Rifugio Cristina, Valmalenco, Lombardia


Rifugio Cà Runcash

Uno sguardo al monte Disgrazia e… Benvenuti al rifugio Cristina

Attraversiamo ora un tratto pianeggiante, il vento continua a soffiare forte e la neve a luccicare sotto il sole. Non manca molto al raggiungimento della nostra meta. Proseguiamo, un pò in salita ma non troppo, e oltrepassata una leggera curva ci appare sulla destra il Monte Disgrazia in tutta la sua magnificienza. Dopo circa 15- 20 minuti di cammino raggiungiamo finalmente il Rifugio Cristina, adagiato sul grazioso Alpeggio dell’Alpe Prabello. Decidiamo di entrare e di ordinare qualcosa di caldo, siamo tutti un pò provati da questa bufera di vento inaspettata! Nonostante l’imprevisto siamo comunque soddisfatti dell’escursione, la neve con il suo manto bianco rende il paesaggio ancor più bello e suggestivo ed il vento che ha spazzato via le nuvole ci ha dato l’opportunità di scattare foto nitidissime.

Veduta sul monte Disgrazia


fontana nei pressi del Rifugio Cristina, Valmalenco, Lombardia


paesaggio innevato nei pressi del Rifugio Cristina, Valmalenco, Lombardia

Discesa con cena finale

La giornata è quasi giunta al termine, ci manca solo la discesa accompagnata da un bel tramonto rosa che fa capolino tra gli abeti. E’ anche possibile effettuare una piccola variante del sentiero, passando tra gli alberi e tagliando così l’alpeggio di Campagneda. Ma… Ne siamo proprio sicuri che tutto finisca qui? In realtà sappiamo che, prima di rincasare, una lauta cena ci attende all’Agriturismo  La Pedruscia di Dazio (SO). Da Franscia, dove ci troviamo, impieghiamo circa 1 h e 10 minuti per raggiungere Dazio, l’agriturismo è sulla via del ritorno. La location è davvero carina, gli interni della sala da pranzo sono tutti in legno e pietra, l’atmosfera che si respira è davvero accogliente, quindi tutti a tavola che si mangia.

di ritorno dal Rifugio Cristina, tramonto, Valmalenco, Lombardia

Agriturismo La Pedruscia, delizia del palato

Il menu dell’agriturismo è molto interessante: assaggi di antipasti che prevedono salumi e formaggi vari, tris di primi (particolarmente apprezzati i pizzoccheri ed i ravioli alla zucca) e tris di secondi (ottimi il roast beef e la tagliata). Finiti i secondi e già sazi e rimpinzati, arriva la titolare dell’agriturismo che ci chiede se vogliamo continuare con l’assaggio dei formaggi… Nostro malgrado ci vediamo costretti a rifiutare per lasciare un posticino al dolce. Ebbene si, manca ancora la degustazione dei dolci, biscotti e biscottini vari accompagnati da due tipi di crostate, il tutto rigorosamente fatto in casa. Inutile dire che vi consiglio di farci una capatina, anche il rapporto qualità prezzo è molto buono considerando la quantità di cibo che viene servita in tavola. Che dire… giornata top, dalla ciaspolata alla cena!

Ravioli, Agriturismo la Pedruscia


Crostata, Agriturismo la Pedruscia